TEAM
STUDIO PROGETTAZIONE D'ARPINO

Paola D'Arpino Architetto

 

 

Laureata alla I Facoltà di ARCHITETTURA "L.Quaroni" dell'Università degli Studi “La Sapienza” di Roma nel 2005, V.O. indirizzo STRUTTURALE. Tesi "Progetto di Parco Pubblico Urbano ed Impianti Sportivi nell'area della stazione Prenestina di Roma". ( relatori : prof arch. Lucio Valerio Barbera, prof arch. Fabio Di Carlo)

 

Tatiana D'Arpino Geologo

Si è laureata nel 2009 con Laurea Specialistica in Geologia del Territorio e delle Risorse, presso il Dipartimento di Scienze Geologiche dell’ Università degli Studi Roma Tre

Tesi di Laurea Sperimentale :
’Caratterizzazione minero-petrografica e fisico-meccanica delle rocce dell’antica Cava Romana sita in Via Pavia, Municipio III Roma’

Ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione nel 2006.

Svolge l'attività di Architetto libero professionista dal 2007, fondando lo Studio D'Arpino.
Ha partecipato a seminari, workshop, master e concorsi di progettazione, tra cui "Master in progettazione di Impianti Sportivi" presso La Sapienza & partners, 2010.

Nel giugno 2011 ha esposto i suoi progetti alla “Mostra tesi di laurea” – Frosinone “Villa Comunale” – Ordine degli Architetti della Provincia di Frosinone – Dipartimento Cultura Nel 2011 e 2010 ha curato mostre fotografiche svoltesi nellambito della Settimana della Cultura, nel 2005 ha preso parte a Firenze alla mostra " Script Terragni Futuro " "Spot on Schools", nel 2006 ha esposto alla mostra "Terragni Futuro" presso la sede dell'Ordine degli Architetti di Roma


L'
attività del suo Studio Professionale si svolge nei settori de : Restauro e ristrutturazioni di edifici storici, impianti sportivi, edilizia pubblica e privata, residenziale e commerciale, progettazione e sviluppo di sistemi per la sostenibilità ed in particolare di impianti fotovoltaici .

Dal 2012 è iscritta all'Albo dei Consulenti Tecnici di Ufficio (CTU) del Tribunale di Frosinone.


Agli aspetti progettuali e alle pratiche del web grafic-visual design, ha sempre unito una costante
ricerca bibliografica, teorica e critica, una attenzione particolare all'Arte, allo studio dell'Interazione Città-Uomo-Ambiente e alle connessioni tra comunicazione, aspetti sociali ed ambiti urbani. Ha pubblicato articoli, scritti e progetti, legati anche al suo territorio.E' presidente dell'Associazione Xenia, che da circa 15i anni si occupa di cultura e turismo culturale nella provincia di Frosinone.

Nel 2010 ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione di Geologo.

Nel 2011 e 2012 è Collaboratrice alla Didattica della Cattedra di Geofisica all'Università di Roma III

Nel 2011 espone la sua ricerca "Mineralogical, petrographical and mechanical characterization of second century blocks from a Roman latomia: a building stone of the ancient Rome" all'Assemblea Internazionale dell'Unione Europea di Geoscienze 2011

Nell' anno 2007-2008 Vincitrice di Borsa di Collaborazione presso il laboratorio di Geochimica del dipartimento di Scienze Geologiche
Università degli studi Roma Tre

Nel 2006 ha svolto collaborazioni in studi geologici operando nel campo della Tomografia elettrica con metodo Schlumberger e Georadar per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo sul Lungotevere

Nel 2003 ha frequentato Stage universitario in Geologia Applicata con oggetto di studio le Opere di consolidamento, indagini geognostiche, jet-grouting, infilaggi in galleria, palificazioni, micropali, tiranti, pozzi per acqua, prove in situ

Il lavoro di tesi ha previsto: la realizzazione, a seguito di macinazione dei campioni, di pasticche per l’esecuzione di analisi diffrattometriche, e successiva interpretazione degli spettri sia con metodo automatico del programma Scintag sia con metodo manuale. Realizzazione delle soluzioni per l’analisi diffrattometrica della frazione < 2 um e successiva interpretazione degli spettri. Misurazioni con picnometro digitale, analisi chimiche ed elaborazione delle stesse con il fattore di correzione Ragland. Osservazioni in sezione sottile con microscopio polarizzatore e con SEM. Misure su blocchi litoidi con martello di Schmidt e prove meccaniche su cubetti, travetti e prismi. In particolare sono state eseguite: prove a flessione, Point Load Test e determinazione della velocità delle onde longitudinali presso il laboratorio Intec di Anagni e prove a compressione presso il laboratorio rocce del dipartimento di Roma 3, il tutto secondo le norme UNI e ISRM attualmente in vigore. Tutti i dati sono stati utilizzati per la classificazione della roccia.
     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WebMaster&Design Paola D'Arpino